Catà&Zaro
SELLIA SI CONFERMA BORGO DELLA CULTURA CON IL "SELLION MOTION VILLAGE"
SELLION MOTION VILLAGE, IL BORGO DELLA PRESILA CATANZARESE PER CINQUE GIORNI DIVENTA RESIDENZA PER ARTISTI CHE RACCONTANO LA STORIA DI TRISCHENE

C’era una volta Trischene, la città costiera da cui tra il IX e X secolo un gruppo di profughi sfuggì agli assalti dei Saraceni, rifugiandosi sul monte Sellion, la cui posizione rupestre garantiva una maggiore difesa contro gli attacchi nemici. Qui nacque un nuovo centro che i profughi chiamarono Asilia, da cui derivò poi il nome Sellia.

Uno dei più antichi borghi della presila catanzerese diventa oggi palcoscenico di una manifestazione della durata di cinque giorni all’insegna dell’ospitalità diffusa per artisti che rende omaggio alla storia del borgo e lo porta al centro del mondo per la capacità che le arti visive hanno di legare il passato al presente, con una tensione al futuro che possa servire da stimolo per la riqualificazione del nostro patrimonio culturale.

Guidato dal sindaco Davide Zicchinella, che già aveva intuito le enormi potenzialità del borgo istituendo il cosiddetto Smoss, Sistema dei Musei ed Opifici Storici di Sellia, grazie all’intuizione di personalità brillanti come quella di Giorgia Boccuzzi ed Emi Bianchi dell’associazione Confine Incerto, il progetto Sellion Motion Village risulta tra i vincitori dell’avviso pubblico regionale per il rafforzamento dell’attuale offerta culturale presente in Calabria annualità 2018.

Dal 24 al 28 Aprile un gruppo di artisti vengono ospitati negli appartamenti residenziali ristrutturati nel cuore del borgo, lasciandoli immergere nel contesto che ispirerà i loro interventi artistici. In testa, ospite d’onore è Lucio Parrilo, uno dei pittori e illustratori italiani più quotati e conosciuti a livello internazionale, che collabora con la casa editrice Marvel e che nei locali dell’ex Asilo di Sellia è il protagonista di un workshop dedicato ai comics e all’illustrazione. Sempre all’ex Asilo, l’esposizione delle tele della pittrice Brunella Pisani che propongono una serie di ritratti dalla grande espressività tra cui spicca quello del nostro Ciaciu, Saverio Rotundo. All’opera sui muraglioni che racchiudono il borgo troviamo Paola Loprete, intenta ad “affrescare” con la tecnica della street art, con grande minuzia di particolari che fanno emergere la poppa di un’antica nave di rotta su Orione. Tra le viuzze, un percorso sensoriale che tocca cinque vecchie case abbandonate del borgo, da cui risuonano rumori di vita vissuta, di antiche filastrocche e litanie, il fuoco del camino che schioppetta: è l’installazione itinerante di Laura Stancanelli ed Ehab Halabi Abo Kher che fa risuonare il passato nel silenzio, la quotidianità di un tempo lontano che riaffiora. Troviamo Stefano Orsetti in una sala del Museo del Fumetto, chino a lavorare sulle tavole di illustrazione di una graphic novel pensata da Lorenzo Chiricò per ripercorrere la storia di Trischene anno zero, con uno storytelling che attraverso le immagini del borgo medievale e dei ruderi del Castello parla della storia di un popolo ai tempi della caduta di Troia. Al Museo delle Scienze c’è Simonluca Spadanuda con i suoi schizzi espressionisti, riproduzioni ad acquerello di alcuni fossili, minerali e meteoriti conservati nel museo che verranno poi translati in illustrazioni in grado di far esplodere il potenziale comunicativo di questi reperti nell’era della comunicazione digitale. Per le vie del borgo incontriamo Claudia Olivadese e Vincenzo Lazzaro con la loro videocamera a riprendere in stop motion un piccolo burattino di pezza che ci racconterà la storia di questa esperienza sul monte Sellion. Insieme agli artisti, la storica dell’arte Linda Verre curatrice del progetto, coordina le performance multimediali per connettere gli artisti al tessuto sociale e storico artistico del borgo.

Nella giornata del 25 Aprile SelliON Motion Village ha proposto un Trekking urbano a cura dell’associazione Route106 attraverso le bellezze naturali, museali e archeologiche del borgo, incontrando gli artisti nel pieno delle loro attività, in un percorso che si è concluso all’interno del “Parco Avventure in Borgo” di Sellia, toccando punti di interesse come il Museba - Museo dei bambini e l’EcoMuseo, gli opifici e il Duomo. A conclusione della giornata la proiezione del film di animazione “Porco Rosso” scritto e diretto da Hayao Miyazaki.

Così, continua la storia di Sellia. Tra fumetti, motion graphics, live performing, illustrazioni e grafiche digitali rivive la storia e si scrive una nuova importante pagina culturale del borgo medievale che si erge alto sul Monte Sellion. Un borgo incantevole che grazie a SelliON Motion Village dimostra che posizionando l’interruttore della cultura su ON, attraverso molteplici linguaggi, si possono ancora raccontare tante storie. Qui e ora.



«


La cittŕ č dei ragazzi
Appuntamenti eventi kids eventi per junior eventi per teen
FederFarma Catanzaro Parco della Biodiversità Catanzaro
©2014 by Marchimede - P. IVA 03242430795
Catà&Zaro è un marchio Marchimede.
Disclaimer  |  Privacy  |  Copyright
-------
Amministratore